Sabato, 22 Febbraio 2014 17:36

La cartapesta è una delle lavorazioni manuali che permettono alla carta di raggiungere effetti di plasticità. Ormai è associata a Lecce fino al punto di riconoscerle il ruolo di capitale di un regno ideale. Per coloro che ne sentono parlare per la prima volta, il termine cartapesta, risulta alquanto astratto, fino a quando non si mostrano i pregevoli manufatti spiegandone le tecniche di lavorazione, la storia e la sua evoluzione, le opere prestigiose realizzate nel tempo.
Recentemente si è scoperto, secondo alcuni documenti ritrovati, che la maggiore influenza nell'arte della cartapeste provenisse da Napoli, dove dall'inizio del '600 e per tutto il '700, furono attivi numerosi maestri cartapestai. La città di Lecce, infatti, dopo essere stata nominata capoluogo della Puglia nel 1539 e designata secondogenita del Regno di Napoli, modificò il suo aspetto urbanistico, assumendo sempre più i connotati di una piccola metropoli.
Durante tutto il '600 si effettuarano interventi di esaltazione architettonica ed estetica, di carattere sacro e civile, sotto la spinta del rinnovamento culturale e religioso, sancito dal Concilio di Trento e promosso dagli ordini religiosi. Mentre nelle altre città gli abbellimenti furono effettuati con mosaici e stucchi, a Lecce fu opera di pazienti scalpellini che ornarono la città con la pietra leccese che offriva grande manualità all'estro degli artisti. Accanto agli esuberanti lavori decorativi realizzati con la pietra trionfò anche la cartapesta, soprattutto nella realizzazione di oggetti devozionali come statue di Santi, Cristi e Madonne. [...]

Domenica, 20 Ottobre 2013 22:20

L'artigianato, nel Salento, ha da sempre occupato un posto di rilievo nell'economia producendo manufatti di prestigio in cartapesta, terracotta, legno, rame, pietra, ferro, tessuti al telaio, ricami, ecc. Accanto a quelle espressioni artigianali considerate "maggiori" e che spesso rasentano notevoli livelli artistici, vi sono quelle definite minori in quanto adoperano materiali più poveri, con i quali si continuano a produrre manufatti che erano usati nel passato. Negli ultimi tempi, gli artigiani di nuova generazione, li stanno riproponendo attingendo ai ricordi degli anziani, cercando di recuperare l'identità culturale salentina. Occasioni importanti per riproporre questi prodotti e gli antichi mestieri che li producevano, sono le sagre di paese, le feste patronali, l'allestimento dei presepi e tutte  le manifestazioni di promozione del territorio.